giovedì 6 febbraio 2014

E Bar Caffetteria (Roma Fiumicino)

Le norme sul collocamento ordinario sono state profondamente innovate negli ultimi anni. In particolare, sono state conferite alle Regioni e alle Province le funzioni e i compiti relativi al collocamento e alle politiche attive del lavoro. Sono state semplificate le procedure di collocamento e introdotte misure per agevolare l’inserimento nel mercato del lavoro. È stato infine consentito l’ingresso dei privati nell’attività di mediazione tra domanda e offerta di lavoro. Tra i gli strumenti predisposti in questo ambito rientrano i Centri per l’Impiego (CPI) , strutture pubbliche gestite a livello locale dalle Amministrazioni Provinciali.

Gli utenti in cerca di occupazione possono consultare le offerte di lavoro promosse dai Centri per l’Impiego. Per la preselezione presso aziende private è necessario presentare personalmente la proprio candidatura, attraverso un apposito modulo reperibile anche presso i CPI. Le persone occupate e non iscritte presso i CPI di Roma provincia possono partecipare ugualmente alle preselezioni, ma le loro candidature rimarranno in coda rispetto agli utenti disoccupati e agli iscritti nei CPI. I cittadini extracomunitari non possono partecipare alle selezioni, tranne per i casi di permesso di soggiorno come rifugiato politico per protezione sussidiaria.

Questa operazione di riorganizzazione, che arriva dopo aver concluso un medesimo processo riorganizzativo sull’area vendite qualche settimana fa, riguarderebbe, da una prima dichiarazione aziendale, 42 lavoratori. Tali numeri – hanno sottolineato le organizzazioni sindacali – impatterebbero sul personale di Roma in modo molto pesante, costituendo il 15% delle risorse totali presenti nella sede”. Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil nei prossimi giorni terranno le assemblee con i lavoratori di Roma nel corso delle quali “valuteranno come proseguire il confronto, avendo chiarito ieri all’azienda la propria contrarietà ad ulteriori processi riorganizzativi che mettano in discussione posti di lavoro ed il futuro di un qualsiasi sito aziendale”.

Secondi i dati dell’Inps nel 2013 si è assistito ad un boom di richieste di indennità di disoccupazione; oltre 1,4 milioni di domande di indennità di (che dal 2013 ha preso il nome di Aspi) nei primi 9 mesi del 2013. Vale a dire, +27,7% rispetto allo stesso periodo del 2012. Più nello specifico le domande di disoccupazione presentate nei primi 9 mesi del 2013 (che si riferiscono a licenziamenti avvenuti entro il 31 dicembre 2012) sono state 1.431.627 rispetto alle 1.121.277 dello stesso periodo del 2012. Solo nel mese di settembre ne sono arrivate oltre 180mila.

La Divisione Specializzata Contact Center di Articolo1, Agenzia per il Lavoro ricerca personale per prestigiose aziende operanti nel settore telefonia e comunicazione a Roma. Dei 30 ruoli disponibili , 20 fanno riferimento alla posizione di operatori telefonici inbound assistenza clienti, mentre 10 saranno destinati a call center nella telefonia mobile. Agenti di commercio, contabili, collaboratori di segreteria, sono i profili professionali che si ricercano a Roma. Visionare le principali offerte di lavoro in provincia di Roma. La Borsa regionale del lavoro permette una maggiore comunicazione fra cittadini in cerca di lavoro che intendono cambiare occupazione e imprese in cerca di personale.

Gli utenti in cerca di occupazione possono consultare le offerte di lavoro promosse dai Centri per l’Impiego. Per la preselezione presso aziende private è necessario presentare personalmente la proprio candidatura, attraverso un apposito modulo reperibile anche presso i CPI. Le persone occupate e non iscritte presso i CPI di Roma provincia possono partecipare ugualmente alle preselezioni, ma le loro candidature rimarranno in coda rispetto agli utenti disoccupati e agli iscritti nei CPI. I cittadini extracomunitari non possono partecipare alle selezioni, tranne per i casi di permesso di soggiorno come rifugiato politico per protezione sussidiaria.

Il Patto di Servizio è un accordo tra il Centro per l’Impiego e i suoi utenti, che definisce le condizioni di erogazione e di fruizione dei servizi. È destinato a lavoratori apprendisti licenziati per crisi aziendali occupazionali e ai disoccupati che intendono frequentare corsi di formazione. Consiste, concretamente, in un colloquio di orientamento, per individuare le priorità da attuare per l’inserimento il reinserimento nel mercato del lavoro. A conclusione del colloquio viene redatto il Piano di Azione Individuale (PAI) che riporta i dati anagrafici, quelli relativi alla condizione occupazionale della persona e le azioni predisposte per l’inserimento il reinserimento lavorativo.

Nessun commento:

Posta un commento