giovedì 20 marzo 2014

Consigli Lavoro E Offerte Lavoro Roma Su Excite Lavoro

I cittadini in cerca di occupazione dichiarano presso i Centri per l’Impiego la loro immediata disponibilità al lavoro L’iscrizione non è obbligatoria, ma permette di usufruire di servizi e vari benefici. I Centri per l’Impiego della Provincia di Roma mettono a disposizione degli utenti un servizio di orientamento che fornisce risposte personalizzate sulla base lavoro generico roma delle esigenze dei singoli cittadini, anche attraverso la stipula di un Patto di Servizio e la definizione di un Piano di Azione Individuale. Le persone occupate e non iscritte presso i CPI di Roma provincia possono partecipare ugualmente alle preselezioni, ma le loro candidature rimarranno in coda rispetto agli utenti disoccupati e agli iscritti nei CPI.

I Servizi per l’impiego rientrano nell’area di competenza del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Si rivolgono a lavoratori e imprese con l’obiettivo di favorire l’incontro tra domanda e offerta di lavoro. Si occupano della prima accoglienza e dell’orientamento del lavoratore. Forniscono informazioni sul mondo del lavoro, la normativa e le opportunità di impiego, nonché sui percorsi formativi finalizzati all’inserimento al reinserimento lavorativo. L’obiettivo è quello di rafforzare la continuità tra formazione e lavoro e favorire il primo inserimento lavorativo, il reinserimento a conclusione di un precedente rapporto di lavoro.

La Provincia di Roma sta sperimentando inoltre procedure di candidatura on-line attraverso Porta Futuro , il nuovo servizio della Provincia. E' necessario per ora recarsi a Porta Futuro e richiedere login e password. Ricevute le credenziali di accesso ci si può candidare a tutte le offerte di lavoro proposte dai Centri per l'Impiego direttamente on-line. TEMPORARY SPA AGENZIA PER IL LAVORO Filiale di Roma ricerca per importante cliente ADDETTI/E AL BAR CAFFETTERIA per punto vendita a Roma Fiumicino. I candidati si dovranno occupare dei servizi di caffetteria e paninoteca. Possono infine effettuare l’iscrizione ai CPI anche tutte le imprese presenti nel territorio provinciale che desiderino usufruire dei servizi offerti.

Lo stesso – racconta Manna – accade per l'impresa, che usufruisce di due finanziamenti. Se ha meno di 250 dipendenti può chiederci un finanziamento identico al ragazzo con il vincolo di fare un percorso di formazione specifico (linguistico, professionale, su uno specifico software, etc.) ma anche di inserimento nelle cultura del luogo. Un livello di formazione non standardizzata ma che aiuti il ragazzo a entrare in quel contesto socio-lavorativo. Se l'impresa ha più di 250 dipendenti, possiamo erogare un corso di formazione linguistica al ragazzo che parte. Stiamo chiudendo accordi con il Goethe e con il British Council e possiamo fare dei corsi sia prima della partenza, sia in loco”.

Le norme sul collocamento ordinario sono state profondamente innovate negli ultimi anni. In particolare, sono state conferite alle Regioni e alle Province le funzioni e i compiti relativi al collocamento e alle politiche attive del lavoro. Sono state semplificate le procedure di collocamento e introdotte misure per agevolare l’inserimento nel mercato del lavoro. È stato infine consentito l’ingresso dei privati nell’attività di mediazione tra domanda e offerta di lavoro. I Centri per l’Impiego della Provincia di Roma rappresentano il punto d’incontro tra la domanda e l’offerta di lavoro, un collegamento attivo tra i percorsi dell’istruzione, della formazione professionale e dell’apprendistato.

Secondi i dati dell’Inps nel 2013 si è assistito ad un boom di richieste di indennità di disoccupazione; oltre 1,4 milioni di domande di indennità di (che dal 2013 ha preso il nome di Aspi) nei primi 9 mesi del 2013. Vale a dire, +27,7% rispetto allo stesso periodo del 2012. Più nello specifico le domande di disoccupazione presentate nei primi 9 mesi del 2013 (che si riferiscono a licenziamenti avvenuti entro il 31 dicembre 2012) sono state 1.431.627 rispetto alle 1.121.277 dello stesso periodo del 2012. Solo nel mese di settembre ne sono arrivate oltre 180mila.

Roma, novembre 2013 — Oggi il CEO di Microsoft, Steve Ballmer , è atterrato a Roma per incontrare clienti, partner e collaboratori e per tirare le somme dei risultati raggiunti e delle opportunità che si sono aperte in Italia attraverso l’iniziativa YouthSpark lanciata a livello globale a fine 2012 con l’obiettivo di favorire l’occupazione di 300 milioni di giovani in tutto il mondo in un triennio. Attraverso più di 30 programmi e partnership con 186 non profit che operano a supporto dei giovani, solo nel primo anno Microsoft YouthSpark ha creato nuove opportunità lavorative per più di 103 milioni di giovani in oltre 100 Paesi.

Nessun commento:

Posta un commento